Acquisti on-line, le ragioni della crescita

Risparmio per il portafoglio, comodità, possibilità di reperire merci non sempre proposte dal mercato nazionale. Sono questi i paradigmi che inducono un numero crescente di consumatori italiani ad acquistare on-line. Da postazione fissa o utilizzando i supporti che consentono di concludere delle operazioni anche in mobilità. La conferma arriva da una ricerca di mercato, realizzata dall’istituto Gfk Eurisko, sulla base di un campione ampio e variegato di cittadini. Tra gli intervistati, il 30% ha concluso negli ultimi 3 mesi delle operazioni sul Web.

Più attenzione per le scelte

Interessante il commento offerto da Rosanna Savoldelli, dello staff Gfk: «Dato l’attuale clima negativo di consumo, gli Italiani stanno adottando alcune strategie riguardo agli acquisti: minor quantità a beneficio di una migliore qualità, una maggiore razionalità e pianificazione nel processo di acquisto con particolare attenzione al rapporto qualità/prezzo e la scelta di prodotti e servizi che vengono offerti a condizioni migliori. Il che si traduce – conclude la portavoce – in una crescente infedeltà verso le marche».

Il futuro è tutto dei dispositivi mobili

Più difficile da superare sembra invece lo scoglio della sicurezza nei confronti del commercio elettronico. La mancanza di garanzie frena il 54% delle persone, un altro 58% non vuole rinunciare all’acquisto come esperienza fisica. Realizzata su commissione dell’americana PayPal, l’indagine ha rivelato quanto ancora poco si utilizzi il potenziale offerto dai dispositivi mobili. Solo il 6% del campione dichiara di effettuare acquisti online attraverso cellulari e smartphone ma probabilmente è solo una questione di tempo: ben il 44% degli intervistati ha infatti ammesso l’intenzione ad adottare tale soluzione in un prossimo futuro.

Chiudiamo con un cenno agli strumenti di pagamento, con la carta di credito prepagata che conduce la classifica, seguita dal saldo alla consegna e dal sistema PayPal.