Guidare un cliente nel percorso d’acquisto sull’ecommerce

Guidare un cliente nel percorso d’acquisto sull’ecommerce

Aprire un ecommerce può rivelarsi meno difficile del previsto, ma per ottenere guadagni in un lasso di tempo ragionevole dobbiamo far si che il cliente scelga noi in maniera consapevole. Ma come possiamo guidare un utente lungo il percorso d’acquisto?

Per prima cosa dobbiamo fargli percepire che è lui che sceglie il nostro prodotto: perché è utile, bello e ne ha bisogno. La sua deve essere una decisione presa in autonomia, anche se siamo stati noi con un’attenta strategia marketing a fargli capire che è il nostro l’eshop giusto! È infatti lo stesso retailer che guida il cliente nel proprio negozio, proprio come succede nel mondo non virtuale.

Spesso si può partire dal packging che deve contraddistinguere il nostro eshop. Pensiamo ad esempio ai grandi siti di abiti firmati: le eleganti scatole, con grandi fiocchi rendono riconoscibile e piacevole l’esperienza d’acquisto.

Se però il nostro è un prodotto innovativo, oppure se vendiamo apparecchiature tecnologiche, dovremmo guidare i potenziali clienti anche attraverso dei video tutorial. Questo è infatti un buon metodo per spiegare cos’è, come si usa e a che cosa serve il nostro prodotto. L’ampia diffusione sul web dei tutorial inoltre, fa si che anche il cliente più inesperto possa facilmente apprezzare il nostro prodotto, decidendo di acquistarlo. I video tutorial possono essere applicati a diverse categorie merceologiche, oltre che all’hi-tech. Parliamo infatti anche di prodotti per il make up, per la pulizia della casa o per il bricolage.

Se il nostro sito non ha ancora un app dedicata, dovremmo seriamente pensare di crearla: anche questa serve per far si che il cliente conosca il nostro prodotto e lo desideri. In seguito potremmo ad esempio realizzare delle guide di installazione per facilitare l’uso del nostro prodotto in fase post-vendita.

La fase che segue l’acquisto è la più delicata poiché la nostra merce potrebbe avere qualche problema. Tutti noi ci auguriamo che non succeda mai, ma se il nostro prodotto dovesse lasciare insoddisfatto il cliente, dovremmo essere in grado di accogliere lamentele o richieste di aiuto nel più breve tempo possibile. Il customer service deve rispondere a queste problematiche, ma anche fornire un valido aiuto per coloro che non riescono ad utilizzare al meglio il proprio acquisto.

Infine anche un buon email marketing educa il cliente anche quando non sarebbe disposto ad acquistare: conoscendo i suoi dati, sappiamo infatti cosa gli piace. E saremmo sempre pronti a ricordarglielo, magari con offerte a lui dedicate.