L’importanza dell’home page negli ecommerce

L’importanza dell’home page negli ecommerce

Quando si sviluppa un sito ecommerce si dovrebbe prestare particolare attenzione alla creazione della home page. Essa, infatti, è il biglietto da visita, cioè quello che ci permette di attirare potenziali clienti. Un’home  ben costruita, chiara e funzionale permette inoltre di portare l’utente dove si vuole, inducendolo non solo a rimanere sul sito, ma anche a comprare.

Home page di ecommerce monomarca

Ovviamente non tutti i siti ecommerce sono uguali e non tutti vendono la stessa cosa. I brand monomarca, spesso già di per se famosi, mostrano nella home page il prodotto di punta, offrendo in seguito uno slideshow degli altri oggetti venduti sul sito. Tuttavia, si va sempre maggiormente incontro non più ad una mera descrizione tecnica del prodotto, ma ad un coinvolgimento emotivo del potenziale cliente. In un e-store monomarca infatti, l’utente ha già scelto di visionare quel determinato brand perché lo conosce, si fida e lo considera il migliore sul mercato. Ecco perché dev’essere convinto ad acquistare “il meglio del meglio”: Entrano in gioco perciò una buona grafica e un’ottima presentazione.

Un esempio può essere il sito del celebre brand sportivo Nike: sfondo bianco, un menù a discesa in alto sui toni del grigio, ed uno slideshow con i prodotti di punta come LunarGlide. In centro pagina ecco come si rende accattivante l’esperienza dell’acquisto: “ottieni di più” come motto, e la proposta di un’app dedicata al mondo del calcio. Con un gergo adatto agli sportivi, i maggiori clienti del brand, li invitiamo a “volere di più”, inducendoli ad iscriversi. Avremmo i loro dati e li conosceremo sempre meglio, facendoli al tempo stesso divertire con un game. Ricordiamo che un utente di cui sappiamo i gusti (ama il calcio) e di cui abbiamo la mail è molto utile per il nostro business: potremmo fornirgli proposte a lui dedicate.

Home page di ecommerce multimarca

La questione è diversa se possediamo un e-shop multimarca. Per prima cosa la grafica sarà meno accattivante, poiché deve togliere minor spazio possibile all’ingente quantità di merce da proporre. Fondamentale è però l’analisi del venduto: ci permette infatti di capire quali prodotti vanno per la maggiore, organizzandoli in categorie e facendoli perciò apparire in “vetrina” sull’home page. Essenziale è rendere il sito più ordinato possibile ed indicizzare tramite meta-tag i prodotti in modo che l’utente possa trovare sempre quello che cerca e anche quello che pensa di non volere.

Un esempio è il sito di abbigliamento inglese Asos: in primo piano i saldi e subito sotto la distinzione tra i capi prodotti da loro e le altre marche. Immancabile anche una selezione del giorno ed uno sguardo a quei prodotti prettamente stagionali (come i costumi da bagno).

Tuttavia, negli ecommerce multimarca, un’altra importante scelta da fare è proporre la merce per categorie o prodotti. Nel primo caso si mostrano diverse tipologie di merce, quelle maggiormente redditizie e che piacciono: questo perché spesso il cliente che non ha le idee chiare e deve essere invogliato a spendere comunque. Nel secondo caso si utilizza come “esca” un prodotto che piace a tante altre persone. Molti siti, indicizzando ad hoc la loro merce, riescono comunque ad essere ben visibili anche a quel cliente che cerca quello specifico prodotto.

Gli ecommerce che scelgono di puntare sui prodotti spesso presentano grafiche scarne e merce catalogata, quasi ad elenco. Questo non per mancanza di attenzione da parte del webmaster: ricordate che il cliente deve trovare ciò che cerca ed acquistarlo con il minor sforzo possibile, senza ulteriori distrazioni. Ecco perché quest’approccio è forse un po’ spartano, ma efficace!