Magento ottimizzato in 5 mosse: dall’hosting alle immagini

Magento ottimizzato in 5 mosse: dall’hosting alle immagini

Magento ha molti fan anche in Italia: i suoi estimatori valutano in modo molto positivo le funzionalità che mette a disposizione e si dicono molto soddisfatti del CMS, giudicando Magento una piattaforma professionale, adatta a tutti gli ecommerce e, soprattutto, capace di offrire quelle funzioni necessarie per ottenere buoni risultati.

A questi vantaggi fanno da contraltare alcuni aspetti detrattivi, come il ritardo accumulato nel rilascio della nuova versione, la difficoltà d’uso per i neofiti e il pesante utilizzo di risorse hardware con conseguente lentezza nell’elaborazione di alcune operazioni.

Per quanto sui primi aspetti ci sia ben poco da fare, sull’ultimo neo puoi intervenire, ottimizzando l’installazione in modo da superare alcuni limiti della piattaforma e migliorando così le prestazioni dell’ecommerce. Ecco 5 mosse fondamentali che permetteranno al tuo Magento di diventare supersonico.

1. Scegli un hosting ottimizzato per Magento

Inizia a pensare che non tutti gli hosting sono uguali, soprattutto se usi Magento. Scegli un’installazione italiana per servire al meglio i tuoi utenti e verifica che il tuo hosting sia posizionato in una server farm all’avanguardia collegata alle principali dorsali di connettività, in modo da ridurre le latenze con cui gli utenti raggiungeranno il tuo sito.

Verifica che il tuo provider ti installi tutti i moduli PHP necessari, agisca sui parametri di buffer e query cache per l’ottimizzazione nell’uso di RAM da parte dei database MySQL e garantisca una configurazione Apache adeguata. Il tuo hosting ottimizzato per Magento deve garantire l’attivazione dei parametri KeepAlives, per convogliare tutte le richieste HTTP attraverso una singola connessione TCP, in modo che si riducano drasticamente i tempi di download dei file HTML/Javascript e delle immagini del sito.

2. Comprimi le immagini

Non dimenticarti di comprimere le immagini per diminuire l’uso di banda fra il browser e il webserver e agevolare i trasferimenti dati fra il sito e il visitatore. Le immagini da comprimere devono essere sia quelle della skin di Magento, sia quelle del catalogo prodotti. Se non sai come procedere per la compressione delle immagini dei tuoi prodotti, dai un’occhiata al servizio online smush.it.

3. Disabilita i plugin inutili e le operazioni di logging

Impara sempre a non lasciare installati e tanto peggio attivi plugin di Magento inutili per il tuo ecommerce. Puoi eseguire la disattivazione dei moduli inutilizzati direttamente dal backend amministrativo o modificando il file XML presente nella directory /app/etc/modules della tua installazione. Puoi ad esempio disabilitare il modulo Mage_Log, soprattutto se raccogli le statistiche sul sito attraverso servizi esterni. In generale, puoi pensare di disabilitare tutte le opzioni di logging attivabili nel pannello Developers, in queste attività richiedono la scrittura su filesystem, rallentando il tuo ecommerce.

4. Salva i dati di sessione sul DB

A proposito di performance del filesystem, ricordati che in Magento i dati di sessione possono essere salvati nel filesystem o nel database MySQL, configurando il file che trovi al percorso /app/etc/local.xml. Se hai seguito il primo consiglio sul servizio hosting e hai verificato che l’uso di MySQL sia ottimizzato per Magento, considera che la conservazione dei dati di sessione sul database potrebbe dare nuovo vigore al tuo ecommerce.

5. Pensa di disabilitare il protocollo SSL

Quando attivi la criptazione dei dati via HTTPS con l’applicazione del protocollo SSL, sia il server sia il client sono oberati di nuovi carichi di lavoro, dovuti proprio ai processi di criptaggio/decriptaggio dei dati inviati e ricevuti. Hai così un maggiore consumo di banda e, soprattutto, un maggiore impegno da parte della CPU del server che ospita il tuo sito, con conseguenti cali operativi del tuo ecommerce. In questo senso, puoi pensare di disattivare il protocollo SSL, almeno per tutte quelle pagine in cui questa funzionalità non è necessaria, magari preservando in modalità criptata il processo di pagamento e registrazione dei dati dei clienti.