Quando si prepara una campagna di email marketing l’obiettivo principale è sempre uno: aumentare le vendite, siano esse online oppure offline. Le campagne consentono di accompagnare l’utente lungo il percorso che va dal primo contatto alla registrazione fino all’acquisto.

Uno dei compiti più difficili è valutare l’impatto della campagna. È infatti fondamentale identificare gli elementi graditi agli utenti (che quindi portano traffico e conversioni) e distinguerli da quelli che allontanano l’utente da un portale ecommerce.

Esistono degli indici universalmente riconosciuti che consentono di valutare in maniera il più possibile oggettiva performance dell’email marketing.

Click

Il numero di click effettuati su un messaggio di posta elettronica è certamente un buon indicatore del successo della campagna o, meglio, della singola email. Certo il numero di click come indicatore non è sufficiente.

È importante distinguere tra click effettuati su link a pagine prodotto oppure a pagine categoria o ancora link di ricerca. Bisogna poi ricercare una correlazione tra la crescita dei click e l’eventuale aumento degli acquisti. Infine è buona norma verificare per quanto tempo i link all’interno dell’email vengono cliccati dagli utenti (anche per capire per quanto tempo conservare le immagini su server ad esempio).

Disiscrizione

Normalmente la percentuale di disiscritti per ogni email inviata è circa dell’1% o meno. Un dato del genere indica un elenco contatti “pulito” e ben mantenuto. Percentuali maggiori possono indicare una frequenza di invio sbagliata (troppo alta o troppo bassa) oppure bassa “qualità” della lista contatti.

La disiscrizione può essere anche legata ad un particolare contenuto. Se si verificano dei picchi di disiscrizioni dopo l’invio di una particolare email può essere un’ottima idea analizzare e confrontare i contenuti con quelli inviati in precedenza.

Rimbalzo

Il bounce rate è un indicatore molto importante, prende in considerazione le email che non hanno raggiunto il destinatario. Questo può avvenire per due motivi: la casella di posta non è raggiungibile (ad esempio per temporaneo picco di traffico sul server) oppure la casella di posta non esiste.

Nel primo caso si può scegliere di fare qualche altro tentativo di invio per verificare se la problematica si ripresenta. Nel secondo caso invece l’unica soluzione è rimuovere il contatto dall’elenco di invio.

Traffico

Dopo l’invio di un’email che fa parte di una campagna marketing è fondamentale monitorare il traffico sul sito ed il numero di ordini. In questo modo è possibile verificare l’incremento di connessioni ed acquisti e valutare ad esempio se questo avviene in modo graduale oppure istantaneamente ma per un periodo di tempo limitato.

Registrazioni

Se dopo l’invio si registra un incremento delle sottoscrizioni alla mailing list allora è probabile che i contatti che hanno ricevuto l’email l’abbiano inoltrata ai propri conoscenti. Questo significa che avete selezionato bene i vostri contatti e che state facendo bene il vostro lavoro tanto in termini di campagna marketing quanto in termini di gestione dell’ecommerce!