I primi 10 fornitori di software secondo Gartner

I primi 10 fornitori di software secondo Gartner

Come ogni anno Gartner ha stilato la classifica delle prime 10 società produttrici di software. Secondo il vice-presidente della società di analisi, Joanne Correia, i risultati di quest’anno evidenziano un cambiamento epocale: è la prima volta, infatti, che Microsoft e IBM non occupano i primi due posti della classifica.

I nuovi risultati, tra conferme e sorprese

Partire ad analizzare le statistiche dalla classifica dei primi 10 fornitori di software redatta da Gartner riportata qui sotto:

  1. Microsoft 65,7 miliardi dollari
  2. Oracle 29,6 miliardi dollari
  3. IBM 29,1 miliardi dollari
  4. SAP 18,5 miliardi dollari
  5. Symantec 6,4 miliardi dollari
  6. EMC 5,6 miliardi dollari
  7. HP 4,9 miliardi dollari
  8. VMware 4,8 miliardi dollari
  9. CA Technologies 4,2 miliardi dollari
  10. Salesforce.com 3,8 miliardi dollari

Microsoft affranca la sua posizione di leadership incrementando il fatturato del 6% rispetto all’anno passato portando a 65,7 miliardi di dollari il suo giro d’affari.

La vera rivoluzione si attua sulle posizioni subito dietro: per la prima volta, infatti, Oracle riesce a surclassare IBM salendo così in seconda posizione. Oracle può vantare sicuramente un’aggressiva politica di crescita dovuta ad acquisizioni di produttori esterni di medie-piccole dimensioni. Secondo Correia, la chiave del successo di Oracle va ricercata nella decisione di orientarsi verso soluzioni di tipo cloud e nell’ottimizzazione dei tempi di fidelizzazione dei clienti delle società appena acquisite.

Un’altra sorpresa è stata l’ingresso nella top 10 di Saleforce che ha spodestato dalla testa della classifica Adobe (soffrente di un calo del fatturato del 10,2% tradotto in 400 milioni di dollari). Saleforce, grazie al 33,3% di crescita annua, vanta un giro d’affari di 3,8 miliardi di dollari e, segno ancor più importante, è la prova di una costante tendenza verso proposte di soluzioni cloud-oriented. Secondo Correia, infatti, se Adobe e IBM ottimizzassero le loro soluzioni cloud lavorando efficientemente e sfruttando i loro canali di vendita potrebbero facilmente risalire la classifica ed aumentare così il loro fatturato per l’anno prossimo.

Riassumendo si può notare con facilità il notevole giro d’affari generato dai primi dieci produttori e fornitori di software mondiali: 407,3 miliardi di dollari, con una crescita del 4,8% rispetto allo scorso anno.