Project Shield Google

Project Shield, Google contro gli attacchi DDoS

Project Shield è un servizio gratuito ideato, sviluppato e fornito da Google per la protezione dei siti dagli attacchi DDoS che da qualche anno circola in rete in una ristretta cerchia di tester.

Nuovo attacco DROWN alle connessioni SSL/TLS

Si torna a parlare di sicurezza in rete ed in particolare di una falla che può potenzialmente causare seri danni a tutti quei web server che utilizzano protocollo TLS e che supportano SSL.

Attacco hacker a WordPress

Studio di un attacco hacker a WordPress

WordPress è una delle vittime predilette degli attacchi di hacker e cracker. La presenza online di moltissime installazioni non aggiornate permette di violare facilmente innumerevoli siti web accedendo a dati riservati e contenuti più o meno importanti.

Le violazioni alla sicurezza IT più significative del 2015 – I parte

Le violazioni di sicurezza IT più significative del 2015 (2)

Dopo la puntata della scorsa settimana, continuiamo a parlare della sicurezza IT e delle violazioni informatiche più significative del 2015, che meglio dimostrano la varietà (e la pericolosità) degli attacchi di cui gli hacker mondiali sarebbero capaci.

Le violazioni alla sicurezza IT più significative del 2015 – I parte

Le violazioni di sicurezza IT più significative del 2015 (1)

Parlare di sicurezza informatica nel 2015 è sempre più difficile. A dimostrare l’incredibile varietà di attacchi ed eventi di cybercrimine è l’associazione italiana Clusit che ha stilato un rapporto contenente l’identikit dei più moderni rischi…

Cloud Computing pericoloso

Cloud Computing pericoloso: di chi è la colpa?

Cloud Computing, un termine entrato così prepotentemente nella lingua d’uso comune da dare quasi l’idea di un ladro che si intrufola furtivamente e in modo inaspettato, forse a rispecchiare la vera natura intima di questa tecnologia.

Furto d’identità digitale: ecco come difendersi

Il caso dello sviluppatore giapponese Naoki Hiroshima, possessore di un account twitter (da 36.000 followers) valutato 50.000 dollari a cui è stata rubata l’identità digitale, ha recentemente destato scalpore.

Atenei nel caos, banche dati violate dagli hacker

Come un fulmine a ciel sereno. I pirati informatici sono tornati all’azione, colpendo a freddo la rete delle Università Italiane.  Ben 18 gli atenei messi alla frusta dall’account LulzStorm, che attraverso un file, scaricabile sia nel sito di torrent Monova che nel sito di filesharing Mediafire, ha tolto i veli ai dati privati di studenti e professori di sedi universitarie come la Sapienza di Roma, la Bocconi e il Politecnico di Milano e in atenei sparsi tra Lombardia, Piemonte, Emilia, Toscana, Puglia e Sardegna.

Lascia che Artera
ti apra gli occhi.

Scopri la qualità del nostro servizio.

Garanzia soddisfatti o rimborsati

60 giorni

Migrazione e ottimizzazione

gratuite

Il miglior modo di iniziare, è provare

Registrati ora: è gratuito e senza impegni